Crescita,  Musica

Autoproduzione

Spread the love

Cos’è l’autoproduzione musicale?

Si tratta di pubblicare musica, coperta da diritti d’autore, in totale autonomia e sostenendo in prima persona tutti i costi necessari.

Per pubblicare intendo proprio che i brani sono disponibili sulle maggiori piattaforme di streaming musicale per cui viene richiesto un abbonamento mensile per l’ascolto. Spotify ed Amazon Music, ad esempio. Due piattaforme in cui sono presente con dei brani.

Ma come ci si autoproduce?

I passi che ho fatto io sono stati i seguenti:

Ho scritto il testo, in inglese, e composto la musica del mio brano con una DAW (acronimo di Digital Audio Workstation), un programma per comporre musica al pc, nel mio caso FL Studio, acquistato con regolare licenza.

Ho frequentato un corso, a pagamento, da tecnico audio, per poter tirar fuori il meglio dal mio pc non solo a livello di melodia ma anche a livello di suono nel suo insieme.

Ho effettuato l’iscrizione in Siae quale autrice musicale per poter depositare i miei brani ed essere tutelata in caso di plagio.

Ho deciso, dopo aver tentato più volte da sola, di avvalermi di uno studio di registrazione (nel mio caso lo stesso in cui ho fatto il corso da tecnico audio) per la voce. Non ho ancora trovato la combinazione di strumenti che mi permette di registrare la voce in casa con risultati soddisfacenti: devo assemblarmi un pc apposito solo per fargli fare musica e registrazioni audio, ho già una scheda audio esterna di qualità semi professionale ma devo prendere un paio di microfoni migliori di quelli che uso ora…

Una volta che il brano è stato messo assieme l’ho depositato in Siae e mi sono iscritta ad un circuito di distribuzione musicale, in pratica fa le veci di una casa discografica, che manda il brano ai vari distributori online, pagando un tot annuale per ogni brano pubblicato.

Ora… voglio dire una cosa a chi volesse rifare lo stesso percorso. Preparatevi a tirare fuori soldi e non pensate di rifarvi velocemente di quanto spendete: vendere musica online senza una valida campagna pubblicitaria (non sperate che Facebook e Instagram siano utili in questo… senza pagare la pubblicità non avrete visibilità per nulla e vi garantisco che una buona campagna su questi social è parecchio costosa) è difficilissimo.

Io stessa mi metto a ridere quando guardo il saldo del ricavato delle vendite… non riesco a pagarmi nemmeno un rinnovo! Ma io lo faccio principalmente come hobby e ho un altro lavoro, sicuro, che mi permette di mangiare. Ovvio, la speranza che qualcuno si accorga della mia musica c’è sempre, ma non vivo di questo. Almeno per ora.

Se avete esperienze di questo tipo, domande, consigli da darmi o da dare a chi volesse provarci, lasciate il vostro commento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *