Vita quotidiana

C’era una volta un gattino…

Spread the love

…che viveva in una colonia felina, un gattino molto simpatico e molto socievole con gli esseri umani. Un giorno è scappato e per tre giorni non si è fatto vedere. Quando è tornato indietro aveva la bocca sanguinante. Probabilmente a causa di qualche maltrattamento di un essere molto poco umano di cui lui, come sempre, si è fidato.

Quel gattino è stato operato, la bocca gli è stata sistemata e può mangiare in autonomia, ma per lui serviva un posto molto più sicuro della colonia felina.

Nello stesso periodo un micio specialissimo, e di una bellezza mozzafiato, lascia la sua padrona dopo soli 4 mesi di vita assieme (più gli altri passati dal precedente proprietario con cui la padrona era andata a prenderlo e da cui riceveva foto e video quasi ogni giorno) volando sul ponte improvvisamente e lasciando un vuoto terribile nella vita della padrona.

Dopo un mese di lacrime la padrona decide di mettere un post su un noto social network per adottare un micio con caratteristiche ben precise: sui due anni, con un buon carattere e già sterilizzato.

L’assistente della colonia felina vede quel post e, visto che il gattino ha tutte le caratteristiche richieste, manda alla sfortunata padrona alcune foto.

Ovviamente la sfortunata padrona ero io, ma appena ho visto le foto mi sono follemente innamorata di quel micino di due anni e mezzo. Neanche 15 giorni ed era a casa mia. L’ho battezzato Jingoro (gli amanti degli anime giapponesi anni 80/90 dovrebbero capire al volo da dove arriva il nome…)

Jingoro la mattina successiva al suo arrivo a casa

Molti pensano che un gatto non dia lo stesso affetto che può dare un cane. Errato. Jingoro mi fa le feste quando torno a casa, mi salta in braccio, mi riempie di baci al mattino quando mi sveglio, mi chiede spesso coccole o di giocare con lui.

Vi state chiedendo cosa sta facendo Jingoro mentre scrivo di lui? Sta tranquillamente ronfando… sopra le mie gambe! Quando sono a casa mi si attacca come una cozzettina allo scoglio, ma è una cosa che adoro di lui.

I gatti sono animali meravigliosi e Jingoro ha riempito la mia vita col suo amore incondizionato. Se volete qualcuno che vi ami veramente e incondizionatamente, adottate un micio. Ma… attenzione: un micio è un impegno, ha bisogno di cure, deve essere seguito da un veterinario, anche se è abbastanza indipendente di natura non va abbandonato a se stesso. Io forse il mio lo vizio troppo (non avete idea dei giocattoli che ha), però credetemi: quando il micio vi guarda con gli occhi che mostrano tutto l’amore che ha per voi… non sciogliersi come neve al sole è impossibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *