Genova e la sua storia,  Percorsi trekking

Da Pegli alla Gaiazza e ritorno

Spread the love

L’immagine di apertura dell’articolo è del percorso ex Guidovia.

Qualche giorno fa mi hanno proposto un giro misto trekking/trasporto pubblico con partenza Pegli e arrivo alla Gaiazza per poi prendere mezzi pubblici per tornare indietro.

Il percorso studiato era molto interessante, e abbastanza semplice visto il poco allenamento dovuto alle restrizioni per la pandemia. Così sabato ci siamo incontrati, rigorosamente su un treno, per questa piccola avventura urbana. In questo articolo vi parlo solo del percorso fatto. Ci saranno ulteriori articoli con storie legate alle varie tappe raggiunte.

Siamo scesi alla stazione di Pegli (da cui partono le mie origini) e siamo andati a prendere il bus della linea 71 per San Carlo di Cese.

Siamo scesi alla fermata per la piccola stazione di Granara e siamo andati a visitarla. Nonostante lo stato di abbandono è ancora parzialmente funzionante anche se solo per 4 transiti al giorno.

La prima tappa…

Dopo aver ripreso il bus e arrivati al capolinea di San Carlo abbiamo iniziato la salita, a piedi, per raggiungere Lencisa. Salita non ripida e passeggiata piacevole, tanto che ci siamo stupiti del poco tempo impiegato. Dopo un meritato caffè alla Trattoria Bertin, ci siamo rimessi in marcia per la tappa successiva: il Santuario della Madonna della Guardia.

Ponte ferroviario di Granara
A un passo dalla meta…
Il meritato caffè
Arrivo alla Guardia con tutti gli itinerari

Questa, per me, è stata la tappa più faticosa, la salita in questo punto è molto più ripida anche se la distanza era parecchio inferiore. Ma sono arrivata alla meta con enorme ssoddisfazione.

Consumato il nostro pranzo al sacco, e un graditissimo the caldo vista la temperatura, il cammino è ripreso nel Percorso verde ex Guidovia alla volta della Gaiazza.

Durante il cammino, in discesa quindi senza la minima difficoltà, abbiamo avuto parecchie gradite sorprese: un inaspettato presepe e un bellissimo villaggio degli gnomi…

Sul sentiero dell’ex Guidovia
Un inaspettato presepe
Il villaggio degli gnomi
Arrivati alla Gaiazza!!!

Arrivati alla Gaiazza ci siamo goduti il resto del viaggio di ritorno via bus e per la precisione Gaiazza/Campomorone e Campomorone/Pontedecimo per poi prendere il treno che ci ha riportati a Principe.

Se avete voglia di farvi una lunga camminata il percorso è consigliatissimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *